L’Aquilone, nel febbraio del 1993, da movimento si è trasformata in “Associazione di Volontariato” per gestire una Casa Famiglia ed un Centro Diurno con l’obiettivo dell’inserimento sociale delle persone che via via si avvicinavano all’esperienza.
Con provvedimento del 24.10.1995 è autorizzata allo svolgimento delle proprie attività di “Casa Famiglia” e “Centro Diurno” dall’Assessorato Politiche per la Qualità della Vita della Regione Lazio.
All’inizio del 2003 si è trasformata in “Associazione di Promozione Sociale”,  iscritta nel competente Registro della Regione Lazio. E’ realtà locale della Comunità di Capodarco, Ente Morale con DPR n. 105 del 25.01.1971.
E’ in possesso della convenzione con l’Ufficio Nazionale Servizio Civile per n. 4 Obiettori di coscienza e n. 8 volontarie del Servizio Civile Nazionale.

 

E’ convenzionata con l’Università di Cassino, Facoltà di Lettere e Filosofia, corsi di Laurea in Scienze dell’Educazione ed in Servizio Sociale per il tirocinio pre-lauream.
Svolge tirocini per l’Istituto Magistrale M.T. Cicerone, Indirizzo Sociale e per l’Istituto Professionale per i Servizi Sociali Mater Divinae Gratiae di Formia.
E’ socio fondatore del Forum sud pontino del Terzo Settore.
Sostiene “Las Quetzalitas”, Progetto di Cooperazione internazionale con le ragazze e ragazzi di strada del Guatemala.
E’ promotore del Commercio Equo e Solidale, del consumo critico e della solidarietà internazionale, ha collaborato nella gestione della Bottega del Mondo “Villaggio Globale” in Formia; sostiene la Banca Popolare Etica ed è stato promotore della sottoscrizione a socio da parte del Comune di Formia e del Comune di Gaeta.
Ha svolto Seminari residenziali in collaborazione con la Cattedra di Psicologia dello Sviluppo Umano dell’Università “La Sapienza” di Roma, ordinario Prof. Gérard Lutte.
Ha promosso la costituzione di una Cooperativa Sociale di tipo A e B. La cooperativa è stata intitolata a “Peppino Nocella”, studente universitario formiano disabile, ospite, nel periodo degli studi universitari, degli amici della Comunità di Capodarco di Roma e deceduto prematuramente agli inizi degli anni ‘70 a causa della propria disabilità.
E’ Socio Fondatore della “Fondazione Prima del Dopo Capodarco–ONLUS”, strumento con cui le famiglie e le loro associazioni insieme alla Comunità di Capodarco di Roma, promuove iniziative, a livello regionale, intese a garantire al disabile la maggiore autonomia possibile e la migliore capacità d’integrazione sociale nella prospettiva del “Dopo di Noi”.
Nella sede operativa di via C.da Farano gestisce, con le richieste autorizzazioni, una “Comunità Alloggio” ed un “Centro Diurno” per disabili psico-fisici in collaborazione con gli Enti locali del Comprensorio Latina meridionale, dell’AUSL locale, delle AUSL limitrofi e con privati.

L'Aquilone insegue i Ladri di carrozzelle

Un'esperienza teatrale oltre la discriminazione

Il Muro

Il Muro è una speciale sezione del portale, dedicata ai visitatori, in cui poter inserire liberamente messaggi e commenti.

Visualizza...